Frodi elettorali USA: continuano le testimonianze

Ho notato quelli che sembravano diversi spessori di carta usati per il voto elettronico da quello che avevo al mio posto di voto. Alcuni sembravano normali fogli di carta, mentre quello che avevo votato e che avevo ricevuto quando ho votato era un cartoncino più spesso.

Oltre 40 testimoni hanno parlato ai media presso la sede del Partito Repubblicano di Cobb Country in Georgia il 9, 10, 13 e 14 dicembre. Hanno presentato prove di irregolarità e frodi elettorali raccolte durante i conteggi e riconteggi delle elezioni presidenziali del 2020. Alcuni di loro non hanno avuto la possibilità di dare la propria testimonianza di persona hanno inviato il loro contributo video.

Lisa Kaminsky era un Supervisor per il riconteggio avvenuto nella contea di Fulton il 14 e 15 novembre. Ecco cosa ha dichiarato sotto giuramento il 9 dicembre scorso: dichiarazione che ha presentato al senatore dello stato della Georgia William Ligon.

“Al gruppo dei controllori non è stato permesso di essere nella sala del conteggio, ai partiti è stato permesso di avere solo 10 membri ciascuno per il monitoraggio. Io sono stata in grado di essere accettata dal partito repubblicano della Georgia come osservatore, ruolo confermato da una lettera di riconoscimento. Ma ancora una volta, essendo ammessi solo 10 membri nella sala, la mattina del 14 dicembre ci siamo ritrovati in 5.”

“Inizialmente stavo cercando di osservare oltre 30 tavoli, probabilmente 36. Quando hanno iniziato il conteggio delle schede inviate per posta mi sono resa conto che vi erano 28 contenitori con percentuali estremamente basse di voti bassi per Trump “.

“La percentuale delle schede a favore di Trump rispetto a Biden era molto bassa, il che significa che ho visto solo una scheda per Trump ogni 100-150 voti per Biden. LA cosa mi ha insospettito. In un caso, ho visto approssimativamente 50 schede annotate per Trump e oltre 350 per Biden, annotate su un foglio di conteggio per un lotto fuori dalla scatola. Ho visto una scatola di schede lasciata aperta e incustodita, e un’altra in cui c’era una serie di numeri sulla scatola, e un funzionario elettorale ha cambiato il numero all’esterno dell’etichetta della scatola “.

“C’erano banconi che tenevano i fogli gialli a faccia in giù e le scatole sul pavimento con l’etichetta rivolta verso il tavolo, in modo che noi come supervisori non potessimo vedere i numeri di lotto. Ho anche avuto un auditor che fisicamente è andato a mettersi tra me e il tavolo per impedirmi di guardare. Ho assistito ad alcune pile molto grandi di voti per Biden, circa 1.000, e solo una manciata di voti per Trump in una valigia “. “Verso le 3:30 è stato fatto un annuncio: se si era terminato il conteggio dei cartoni prestabiliti allora quei revisori avrebbero potuto tornare a casa. Dopodiché, ho sentito che gli auditor rimanenti avevano preso velocità e mi sono chiesto se potessero essere stati commessi errori nella fretta di finire di contare il loro lotto. Quando la maggioranza delle persone ha iniziato ad andarsene, ho sentito che c’era fretta di fare le cose “.

“Ho preso appunti al meglio delle mie capacità del seggio elettorale da cui proveniva la valigia e del tavolo con cui veniva contata. Tutte le valigie lasciate sul tavolo dovevano essere sigillate con un lucchetto di plastica. Ma ho notato e segnalato due valigie su un tavolo dove una era chiusa a chiave e l’altra no. E sono stati lasciati incustoditi. Quindi il giorno successivo, quando siamo entrati, eravamo limitati, di nuovo, a un monitor per 17 tavoli. E ci è stato detto che non potevamo librarci e dovevamo continuare a muoverci, il che rende davvero difficile, dato che non puoi leggere la scrittura, devi essere in grado di prenderti il tuo tempo per guardare qualcosa. Ora dovevo anche mettere il mio badge con il mio nome e avevo il mio badge, ma poi dovevo anche etichettarmi come con il partito GOP. Quindi non ricordo nessuno dei banchi ai tavoli che indossassero badge nominativi, per non parlare del partito a cui erano affiliati. Allora perché, come membri del GOP, ci è stato detto che dovevamo indossare un distintivo che indicava con quale partito eravamo?

“Ogni volta che il funzionario se ne andava, tornava a fare le cose come voleva e cercava di confrontarsi di nuovo con me, ci veniva detto che non potevamo parlare con nessuno di loro. Non abbiamo potuto scattare foto . Non abbiamo potuto parlare con nessuno tranne che con un funzionario elettorale, che poi è dovuto andare al tavolo per raccontare la nostra denuncia. La minuscola scrittura sulle schede cartacee, ancora una volta, ha reso difficile leggere e individuare il nome dei candidati. Molti tavoli capovolgono le loro schede in modo che non potessimo verificare che ogni scheda andasse nella pila per quel candidato. Hanno anche girato i fogli di conteggio in modo che non potessimo leggerli anche se l’ufficiale elettorale Miss Mabel Jones Allen gli aveva detto di assicurarsi che fossimo in grado di vedere chiaramente i fogli e le etichette delle valigie “.

“Ho notato quelli che sembravano diversi spessori di carta usati per il voto elettronico da quello che avevo al mio posto di voto. Alcuni sembravano normali fogli di carta, mentre quello che avevo votato e che avevo ricevuto quando ho votato era un cartoncino più spesso. E dico questo solo perché quando li ho visti contarlo, aveva una leggerezza, una levigatezza diversa rispetto a un cartoncino più pesante che avevo usato per il mio voto. Il loro conteggio al tavolo finale aveva solo 226 voti per Trump e 3.087 per Biden, 27 per Jorgensen, nove per nessun voto e un totale di 33.349 voti, ma il caso è stato etichettato come 3.377 voti “.

“Riconosco che ci sono differenze nel conteggio manuale, cosa potrebbe esserci. Tuttavia, ho messo in dubbio la percentuale di voti che c’era in quella valigia. Ho assistito e notato altre cinque tabelle in cui il conteggio sembrava estremamente distorto nei voti. Ad esempio, 504 voti per Trump contro 3.762 voti per Biden al tavolo 113 della Biblioteca Ponce de Leon. 75 voti per Trump a 3.211 voti per Biden al tavolo 737 per Wolf Creek Library. Numero tre, uno stack inferiore al 25 percento per Trump contro uno stack superiore a 75 per Biden. Tabella 10, sempre dalla biblioteca Ponce de Leon. Uno stack di un quarto di pollice per Trump contro uno stack di ben oltre 12 pollici per Biden al tavolo 44, per CT Martin, ed era un sacchetto incompiuto di 2 su 2. 14 voti per Trump e 109 voti per Biden al tavolo 109. Il riconteggio delle schede per corrispondenza, ho visto schede che sembravano perfettamente riempite con colori uniformi all’interno della bolla, tutte in nero e mi chiedo come queste schede siano state compilate “.

Condividi:

Share on facebook
Share on twitter
Share on pinterest
Share on linkedin

Social Media

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.

Post correlati

Caro Zuckeberg: RESTITUISCI FACEBOOK ALLA GENTE!

Facebook è un patrimonio della gente che lo popola: che è la sua forza. Restituite Facebook alla gente! La censura totalitaria non può avere spazio su piattaforme che si sono affermate facendo leva sulla condivisione libera dei contenuti. Dove sono finiti questi valori???

Georgia: Trump chiede chiarezza non voti

Il Washington Post, giornale di estrazione strettamente liberale è la testata giornalistica di proprietà di Jeff Bezos proprietario di Amazon: l’uomo più ricco del mondo.